Baklava-Rossana Pegurri-Food Blogger

BAKLAVA

 Rossana Pegurri Food Blogger

È grazie a Roberta Castrichella (robysushi su Instagram) e al suo incredibile viaggio in Giordania che ho scoperto questo dolce.

Questo dolce tipico lo ritengo una piccola opera d’arte, strati di croccanti di pasta fillo intervallati da una farcia di frutta secca e miele e il tutto completato da uno sciroppo altrettanto goloso.

Le ricette che ho trovato in internet sono innumerevoli e molto zuccherine, anzi per me davvero troppo! La versione che vi propongo rispetta appieno gli ingredienti necessari per preparare la perfetta blaklava ma con un ridotto numero di zucchero per gustarla appieno.

Ingredienti:

250 g di pasta fillo

Per lo sciroppo:

200 ml di acqua

80 g di zucchero

1 cucchiaio di miele

Succo di mezzo limone

Per il ripieno:

200 g di pistacchi non salati

100 g di nocciole tostate

200 g di mandorle

50 g di zucchero

190 g di burro

Procedimento:

Se avete comprato la pasta filo congelata fatela scongelare per bene nel frigorifero.

Fate sciogliere lentamente il burro in un pentolino. Mettete in frigorifero.

Nel mentre triturate nel mixer tutta la frutta secca.

Fate bollire per 5 minuti in un altro pentolino gli ingredienti per lo sciroppo.

Prendete ora una teglia e imburratela. Iniziate ad assemblare gli strati di pasta fillo creando, create la base del dolce con 6 strati di pasta fillo imburrando ogni foglio prima di sovrapporre i successivi. Mettete un primo strato di ripieno.

Creati altri 4 strati (non dimenticate il burro tra di essi) e mettete un’altra parte di ripieno. Ripetete altre due volte. Completate con gli ultimi sei strati di pasta fillo.

Con un coltello tagliatela a rombi.

Mettete in forno già caldo e cuocete a 160° per circa 30 minuti e poi per altri 10 minuti a 190°.

Quando estraete la baklava dal forno e cospargetela con lo sciroppo freddo.

Guarda tutte le ricette di Rossana Pegurri cliccando qui 

Segui Rossana Pegurri anche su Instagram:

  

0 comments on “Baklava-Rossana Pegurri-Food BloggerAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *