red velvet

Red Velvet Vegan-Fra Ceck-Food Blogger

RED VELVET VEGAN

Fra CeckFood Blogger

Come dice il nome stesso, la red velvet cake, o “torta di velluto rosso”, è davvero irresistibile e scenografica.

È adatta ad un’occasione speciale come un compleanno, San Valentino o la Festa della Mamma. Oltre a essere bella, però, è anche un’esplosione di sapori: è umida, soffice e morbida come velluto e piace proprio a tutti. Inoltre, sarà facilissimo prepararla se seguirete le istruzioni alla lettera.

La prima volta che provai a realizzare la red velvet fu due o tre anni fa grazie al giovane pasticcere Luca Perego, alias Lucake (lucake.altervista.org).

Allora imparai la versione classica ma oggi voglio presentarvi quella vegana, che sono riuscita a realizzare anche grazie ai consigli di Ylenia Bitetti (sweetest_style), pasticcera vegan fornito qualche preziosa dritta, raccomandandomi di controllare sempre che il colorante alimentare sia vegano e di usare uno yogurt di soia che contenga più grassi possibile per realizzare il latticello.

Per la base, ho seguito ricetta di una ragazza del sito veganblog.it (https://www.veganblog.it/author/mariagrazia_89/) a cui ho fatto qualche piccola modifica.

INGREDIENTI:

Per la base:

170 gr di margarina (o burro di soia);

450 gr di zucchero semolato;

440 gr di farina 00;

4 cucchiaini abbondanti di cacao;

2 cucchiaini di colorante alimentare rosso in polvere o in gel (vegan Ok);

1 cucchiaino abbondante di aroma di vaniglia in polvere;

1 cucchiaino abbondante di sale;

8 gr di aceto di mele;

7 gr di bicarbonato di sodio;

370 gr di yogurt bianco di soia (il più grasso che riuscite a trovare).

Per il frosting:

280 gr di Anacardi;

240 gr di olio di cocco;

152 gr di latte di mandorla senza zucchero (o acqua);

150 gr di sciroppo d’acero;

1 fialetta di aroma di vaniglia;

1 grosso pizzico di sale.

PROCEDIMENTO:

Con una frusta elettrica, sbattete la margarina e lo zucchero fino ad ottenere un composto che risulti quasi spumoso. Unite anche il cacao amaro, il colorante e l’aroma di vaniglia.

In un’altra ciotola, mescolate il sale con lo yogurt e, a parte, sciogliete il bicarbonato nell’aceto di mele.

A questo punto, incorporate il contenuto di entrambe le ciotole in quella con la margarina e lo zucchero colorati e aggiungere anche, da ultimo, la farina passata al setaccio.

Imburrate e infarinate 3 tortiere del diametro di 18 cm1.

Cuocete in forno statico a 175 gradi per circa 25-30 minuti facendo sempre la prova dello stecchino. Una volta sfornato, lasciatelo raffreddare completamente.

Nel frattempo, dedicatevi al frosting.

Versate gli anacardi in una pentola di acqua bollente e lasciateli lessare per 10 minuti.

Scolateli e frullateli con gli altri ingredienti con l’aiuto di un mixer.

Lasciate il composto a riposare in frigorifero per due ore o in freezer per un’ora prima di utilizzarlo.

Trascorso il tempo necessario, procedete all’assemblaggio: mettete il primo disco su un piatto da portata. Riempite con il frosting una sac à poche (se ce l’avete, utilizzate una bocchetta liscia in alluminio con foro da 1cm) e create tanti piccoli ciuffi sul primo disco di torta. Posizionate il secondo disco di torta e decorate anche il secondo disco con ciuffi di frosting. Infine, adagiate l’ultimo disco e decorate anche quello, prima con il frosting e poi con frutti di bosco a piacere.

Lasciate riposare in frigorifero almeno 1 ora prima di servire e consumate entro 2-3 giorni. Potete anche congelare la red velvet a fette e lasciarla scongelare naturalmente prima di mangiarla.

1 In alternativa potrete una alta da 24 cm ove inserire tutto l’impasto per formare una torta unica che, una volta sfornata, dividerete in due parti.

Guarda tutte le ricette di Fra Ceck cliccando qui 

Segui Fra Ceck anche su Instagram:

  

0 comments on “Red Velvet Vegan-Fra Ceck-Food BloggerAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pane, Pizza, Lievito Madre e molto altro sui Lievitati.Pane,Pizza e Lievitati? Scopri i Segreti...

(Pizzaskill e Delifoodclub)

Scroll Up